17 dicembre 2013

Il metodo Santa Claus in #5 mosse

Immaginiamo di dover consegnare a domicilio due miliardi e mezzo di regali. E di avere una sola notte per farlo. Impresa proibitiva? Forse sì, forse no: dipende dall’approccio. In qualunque progetto, per quanto difficile, il segreto è analizzare la situazione un pezzetto alla volta…

#1 COMMUNICATION STRATEGY Per prima cosa dovremmo conoscere i nostri destinatari. Basterà un’indagine socio-demografica per capire che quasi nessuno supera i nove anni d’età (fascia di mercato tra le più insidiose). L’analisi comportamentale ci serve invece per separare gli ubbidienti dai dispettosi: chi non ha fatto il bravo riceverà un pacchetto tutto speciale…

#2 SOFTWARE A proposito di pacchetti: sono tutti super-personalizzati in base alle richieste, scritte a mano sotto forma di letterina da decifrare. Facciamo attenzione: un sistema con CRM integrato ci aiuterà a tracciare le consegne.

#3 MEDIA PLANNING Dobbiamo pianificare un percorso che consenta una copertura globale – “globale” nel vero senso della parola – col minor dispendio di risorse. Tenere presente che il costo per contatto su ogni singolo bambino è molto alto, al netto di possibili disguidi tra le canne fumarie.

#4 MOBILE SOLUTIONS Anche se possiamo sfruttare i diversi fusi orai è fondamentale muoversi il più velocemente possibile.

#5 WEB & SOCIAL MARKETING Da ultimo, una raccomandazione: dopo tanta fatica, facciamo in modo che il merito non se lo prendano i genitori. Dicono che non esistiamo? Inutile contrastare il passaparola; sfruttiamolo invece a nostro favore! Alimentiamo le leggende metropolitane sul nostro conto, mandiamo in giro qualche nostro sosia, dosiamo le apparizioni. E la ricetta per non passare di moda è servita.

Published by: in graffiti.it