All Posts in web

7 maggio 2018

Ansia da GDPR?

Mancano veramente pochi giorni all’entrata in vigore del nuovo GDPR. Ma niente paura, GRAFFITI è in grado di fornire tutti gli strumenti per non arrivare impreparati al 25 maggio.

“Hackeraggio, phishing, data breach”. Spesso la nostra attenzione cala non appena sentiamo pronunciare queste parole. Ci sembrano dei termini così lontani da noi o, comunque, cose che riguardano gli altri, non noi direttamente.

È arrivato invece il momento di prendere coscienza delle minacce tecnologiche che possono colpirci in qualsiasi momento: basta avere uno smartphone, un pc, un tablet connesso a internet.
Ogni secondo nel mondo avvengono circa 632 attacchi ransoware, 2638 attacchi malware, 71 furti d’identità.
Le vittime sono semplici utenti, ma anche aziende piccole e grandi. Ogni attacco ha come obiettivo una cosa preziosissima: i (nostri) dati!

Ma dal 25 maggio 2018 le cose sono destinate a cambiare

Vi avevamo già parlato del GDPR, la norma che dal 25 maggio obbliga tutte le aziende a migliorare le pratiche di sicurezza per la protezione dei dati, incrementare la fiducia dei consumatori e intensificare la neutralità tecnologica.
In concreto, questo significa:

  • ristrutturare i database e conservare solo i dati davvero pertinenti, rilevanti e necessari
  • ridefinire i processi e le policy di sicurezza, investendo in un provider che possa offrirti un servizio di crittografia, firewall con IDS/IPS, monitoraggio e protezione dei dati e backup frequenti

&nbsp
GRAFFITI può fornire tutto questo, garantendo all'azienda il completo adeguamento alle norme previste dal GDPR. Dopo una prima fase di analisi digitale, dove valutiamo la stabilità della rete aziendale, le modalità di raccolta dati e le abitudini del personale, effettuiamo una scansione approfondita della struttura hardware aziendale.  In questo modo si individuano le criticità e i fattori di rischio maggiori.

In seguito verrà effettuata un’analisi legale, in collaborazione con un avvocato specializzato in privacy da più di 10 anni: attraverso un audit iniziale valuta la correttezza delle pratiche attualmente in uso e i documenti utilizzati per la tutela dei dati personali.

Se il modus operandi emerso non risulterà in linea con quanto previsto dalla normativa, il legale specializzato realizzerà la documentazione necessaria per la corretta conservazione dei dati.
Grazie alla partnership col broker assicurativo Tassicuro, GRAFFITI è in grado di fornire una polizza assicurativa per tutelare le aziende da qualsiasi attacco informatico. La polizza Zero Cyber Risk consente di mettersi al riparo da cyber estorsioni, danni alla reputazione, perdita di fatturato e compromissione dei dati dei clienti.
Mancano veramente pochi giorni all’entrata in vigore del nuovo GDPR:
meglio non arrivare impreparati 😉

 

22 gennaio 2018

Cyber security e certificato SSL: quando il buttafuori è più grosso di te

Non sempre conviene fare i furbi all’interno di un locale, soprattutto se il responsabile della sicurezza è grande, grosso e rispettato da tutti. Nel caso della sicurezza online, il locale in questione si chiama World Wide Web, l’avventore sei tu col tuo sito, il buttafuori è un certo Google e la norma da rispettare è la […]

Non sempre conviene fare i furbi all’interno di un locale, soprattutto se il responsabile della
sicurezza è grande, grosso e rispettato da tutti. Nel caso della sicurezza online, il locale in questione si chiama World Wide Web, l’avventore sei tu col tuo sito, il buttafuori è un certo Google e la norma da rispettare è la cyber security.

Qui, aziende, istituzioni e persone scambiano informazioni sensibili attraverso protocolli web. Negli ultimi anni, però, il contenuto di questi protocolli si è rivelato vulnerabile agli hacker, che possono mettere a rischio la sicurezza di ciò che viene trasmesso anche attraverso il tuo sito.

Per questo motivo è stato introdotto il protocollo HTTPS, evoluzione del vecchio HTTP, dove la S sta proprio a indicare che l’informazione tra il tuo sito e l’utente è trasmessa in modo sicuro.
L’ HTTPS evita infatti che malintenzionati intercettino i cookies per appropriarsi di informazioni sensibili.

Recentemente Google ha comunicato che tutte le connessioni che utilizzano il vecchio protocollo verranno identificate come “non sicure”: poiché il fattore sicurezza concorre al ranking dei risultati di ricerca, se il tuo sito non è sicuro viene penalizzato e posizionato più in basso.
Non solo: con l’aggiornamento di Google Chrome, il browser usato dal 75% degli internauti, l’utente viene avvisato che la connessione col tuo sito non è sicura, scoraggiandolo dal visitare la pagina.

Cosa fare, quindi, per farsi amico il buttafuori? È necessario ottenere un certificato SSL in grado di garantire la sicurezza del tuo sito e delle informazioni che i visitatori trasmettono.

Da sempre GRAFFITI si è mostrata attenta alla sicurezza e alla tutela dei dati trasmessi in rete e, grazie alle competenze IT sviluppate negli anni, è in grado di installare sul tuo dominio un certificato SSL.

7 febbraio 2017

GRAFFITI entra nel capitale sociale di 
Intellegit, la startup dell’Università di Trento 
che combatte le frodi online

«Negli ultimi 20 anni abbiamo lavorato per rendere il web sempre più semplice – spiega Luca Cattoi, presidente di GRAFFITI – Oggi è tempo di farlo diventare ancora più sicuro». 

Chi di noi rinuncerebbe alla comodità del web? Probabilmente nessuno. Eppure, il prezzo da pagare in termini di sicurezza può essere salato: ogni anno, decine […]

«Negli ultimi 20 anni abbiamo lavorato per rendere il web sempre più semplice – spiega Luca Cattoi, presidente di GRAFFITI – Oggi è tempo di farlo diventare ancora più sicuro».



Chi di noi rinuncerebbe alla comodità del web? Probabilmente nessuno. Eppure, il prezzo da pagare in termini di sicurezza può essere salato: ogni anno, decine di migliaia di persone sono vittima di truffe online. E i danni ammontano a centinaia di milioni di euro.




Più la tecnologia si fa accessibile, meno ci rendiamo conto di tutte le informazioni personali che lasciamo in giro: gran parte della nostra vita viene tracciata, e le nostre abitudini sono dati sensibili che i truffatori possono rubare e riutilizzare per compiere atti illeciti ai danni di aziende, istituti di credito o società finanziarie.

Di fronte a una domanda crescente di sicurezza da parte del mercato, l’Università di Trento ha risposto con Intellegit, la startup antitruffa che si occupa di sicurezza e che offre servizi evoluti di Business Intelligence contro la criminalità online e offline.



La sicurezza online riguarda più fronti: si va dalla frode creditizia mediante furto d’identità alla vera e propria contraffazione di prodotti. Intellegit si rivolge a istituzioni, organizzazioni, imprese, pubbliche amministrazioni e qualsiasi realtà abbia bisogno di strumenti di tutela. Per quanto riguarda la sicurezza aziendale, la startup ha sviluppato una serie di software capaci di riconoscere le transazioni eseguite da identità false o rubate.


Nel caso invece dei prodotti falsificati, Intellegit si è concentrata per ora su un settore particolarmente “caldo” come quello farmaceutico: da quando infatti una direttiva europea ha introdotto la commercializzazione sul web dei medicinali senza obbligo di ricetta, la metà dei farmaci venduti in rete è contraffatta. Intellegit ha messo a punto un’applicazione per smascherare queste truffe che potrà essere applicata anche ad altri settori. Il software prende le mosse da una prima applicazione già testata con successo in alcune indagini di Interpol. Inoltre Intellegit ha trasformato quelle conoscenze in una app – Veripharma – per tutte le farmacie online che vogliono offrire sicurezza al 100% ai propri clienti: uno strumento innovativo, l’unico servizio privato di verifica delle farmacie online, a tutela dei consumatori e degli operatori autorizzati.





Lunedì 16 gennaio 2017 è stato rinnovato il Cda di Intellegit: oltre a Giorgio Casoni, nominato amministratore delegato, tra i consiglieri c’è Luca Cattoi, CEO di GRAFFITI.

«La Rete è da sempre la nostra casa» racconta Cattoi. «Oggi che l’e-commerce è uno dei pilastri portanti del business di GRAFFITI, migliorare la sicurezza dei dati attraverso soluzioni evolute di cyber security rappresenta per noi un valore aggiunto enorme. Si spiega così la scelta di entrare nel capitale sociale di Intellegit» prosegue Cattoi, che aggiunge: «Sono particolarmente orgoglioso di collaborare con l’Università di Trento, un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Da parte nostra, metteremo a disposizione di Intellegit e dell’ateneo le migliori competenze GRAFFITI per sviluppare e commercializzare nuovi prodotti per la sicurezza nel mondo digital».

«Noi crediamo fortemente nella bontà delle nostre idee imprenditoriali sulla sicurezza e ne stiamo sviluppando di nuove» afferma Andrea di Nicola docente di Criminologia di UniTn e socio fondatore di Intellegit. «Ma siamo professori e ricercatori universitari e non ci si improvvisa imprenditori. Avevamo bisogno di partner che ci aiutassero ad accelerare la nostra apertura verso il mercato. Non tanto partner finanziari, pur utili, ma soprattutto partner industriali, esperti del web e di sviluppo software, e partner manageriali professionali: abbiamo incontrato due tra le realtà migliori del nostro territorio: GRAFFITI, che da sempre è sinonimo di innovazione sul web, e Spinnvest, il più grande business catalyst privato trentino. Noi abbiamo le idee. Loro ci mettono le ali. E questa collaborazione, che nasce nella nostra terra, siamo sicuri che volerà lontano!».

Chi è INTELLEGIT

Intellegit trasforma la scienza in sicurezza. Dalle aule universitarie al business, il passo è stato breve: la startup prende il meglio del sapere accademico e lo trasforma in soluzioni per la sicurezza online. La forza del progetto sta soprattutto nell’interdisciplinarietà: in Intellegit lavorano criminologi, ricercatori, informatici, ingegneri, economisti, giuristi, manager ed esperti di sicurezza e comunicazione. Proprio la convergenza di tante competenze si è rivelata la carta vincente, visto che Intellegit sta diventando in poco tempo un interlocutore di riferimento per importanti organizzazioni internazionali e colossi dell’imprenditoria: IAAC-International AntiCounterfeiting Coalition, British American Tobacco, Alibaba, Lamborghini e Itachi Rail Italy.

22 aprile 2016

Ringo.it: un nuovo sito per il capitano dei bisco-snack

Da fine febbraio è online la nuova piattaforma web, completamente integrata nella strategia di marca del brand.

Il vecchio sito, realizzato sempre da noi quasi tre anni fa, iniziava a risentire dei segni del tempo. In particolare il design non responsive ne condizionava la fruibilità da device mobile. Con il marketing Barilla abbiamo quindi condiviso la necessità di creare una piattaforma nuova, sinergica rispetto all'intero universo comunicativo Ringo.

L'esigenza era soprattutto allinearsi al mood degli spot TV, che strizzano l'occhio alla componente più "adulta" del target di riferimento (7-14 anni). Il tema da valorizzare era "Il migliore in campo", attorno a cui ruota la comunicazione del brand dall'autunno scorso. Per farlo abbiamo creato una corrispondenza tra i valori Ringo e le qualità che deve avere chi vuole essere un vero campione, in campo e nella vita. Abbiamo poi individuato all'interno dello spot cinque frame rappresentativi di queste caratteristiche. Per scoprirle, l'utente ha due possibilità: può accettare la sfida, affrontando 5 mini-game, oppure può andare direttamente alla sezione con i contenuti, bypassando il video e i giochi. Abbiamo scelto di raccontare i valori Ringo proponendo situazioni reali, nelle quali il target possa identificarsi.

Nell'architettura del nuovo Ringo.it è integrata anche una sezione "Storia" che, attraverso spot e immagini d'epoca, ripercorre l'evoluzione del brand contestualizzandolo con elementi che richiamino la vita delle persone (un vinile, una musicassetta, un paio di cuffie…).

Il restyling ci ha permesso di introdurre numerose migliorie, facilitando l'inserimento e la gestione dei contenuti. Tutto il sito è realizzato in maniera modulare, con un back-end semplice e intuitivo che consente di spostare le sezioni in base alle necessità. La grafica si stacca da quella del packaging, per acquisire autonomia e proporsi con una veste più attuale.

La pubblicazione del nuovo portale è avvenuta in contemporanea al lancio della promo che mette in palio un set di pettorine tecniche firmate Ringo. È stato quindi necessario ottimizzare fin da subito l'interazione fra il sito e il software che governa la parte legal del concorso. L'interfacciamento avviene tramite API (Application Programming Interface), in modo che i due sistemi comunichino in maniera completamente bidirezionale: gli utenti inseriscono online i codici che trovano nelle confezioni; questi vengono poi processati dal software che restituisce immediatamente il risultato della giocata.
Particolare attenzione ha richiesto la gestione dei permessi e delle autorizzazioni, perché molti degli utenti sono minorenni e la loro partecipazione al concorso impone speciali approvazioni da parte dei genitori.

I nuovi contenuti e il percorso di esplorazione studiato ex novo hanno permesso di rendere ancora più ricca e coinvolgente l'esperienza di navigazione all'interno del modo Ringo.

19 aprile 2016

Flessibile, modulare e adattivo: il nuovo Vinitaly.com è completamente user-reactive

Quando si progetta un sito internet, è indispensabile porsi nell'ottica del visitatore, predisponendo percorsi di navigazione efficaci e accertandosi che possa trovare facilmente ciò di cui ha bisogno. Per il nuovo Vinitaly.com abbiamo scelto di focalizzarci proprio sui comportamenti e sulle attese delle persone, adottando un approccio completamente user-centered.

Non solo, Vinitaly.com è anche una piattaforma user-reactive, perché non si limita a riadattare la grafica agli schermi dei diversi dispositivi, come un normale sito responsive, ma reagisce a seconda del periodo dell'anno e della geolocalizzazione di ogni utente, proponendogli contenuti profilati.

Lo sviluppo del portale è partito da un'analisi approfondita dei risultati della precedente versione del sito, che ci ha permesso di identificare tre momenti di fruizione: la fase dedicata alle iscrizioni degli espositori, quella dedicata all'iscrizione dei visitatori, il periodo post evento.

Il content inventory ci è servito per valutare il livello di aggiornamento degli elementi e il loro grado di dipendenza reciproca: ogni concetto è stato scritto su un post-it (card sorting) e disposto in modo tale da entrare in rapporto con gli altri. In questo modo siamo riusciti a capire se la posizione fosse quella ottimale, fino a definire quella che è diventata la nuova architettura informativa.

Il portale è flessibile, modulare e adattativo, perché si basa su un CMS altamente performante come EPiServer. Gestire i contenuti è semplicissimo, perché si possono apportare le modifiche navigando la normale pagina pubblica, senza bisogno di entrare nell'amministrazione. Soprattutto, EPiServer è estremamente versatile e non c'è limite alle funzionalità che si potranno aggiungere in futuro. Consente inoltre alla App Vinitaly di pescare i dati direttamente dal back-end.

All'interno del sito sono stati poi integrati:

  • Survey "partecipativa", da somministrare agli utenti per raccogliere quanti più feedback possibile riguardo il brand Vinitaly, la fiera e il sito web, oltre a proposte degli stessi visitatori per migliorare le iniziative on e off line. Le risposte, e soprattutto gli spunti delle persone, potranno tradursi in idee da trasformare in nuove funzionalità su vinitaly.com in un’ottica partecipativa.
  • Cross selling: quando un utente registrato acquista il biglietto, la piattaforma permette di attivare iniziative di cross-selling profilate, ad esempio su corsi e degustazioni a pagamento.

Una volta messi a punto l'ossatura e il motore del sito, l'interfaccia porta in superficie gli schemi che regolano l'architettura della piattaforma, esplicitando i percorsi di navigazione attraverso soluzioni grafiche accattivanti e funzionali.

Il primo banco di prova per il nuovo portale di Vinitaly è stata la 50° edizione del Salone Internazionale dei Vini, che si è svolta a Verona fra il 10 e il 13 aprile. Al termine della rassegna, tutti i principali parametri indicavano  un miglioramento significativo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In particolare:

  • la frequenza di rimbalzo è calata del 17%
  • le visualizzazioni di pagina sono aumentate del 44%
  • le pagine visualizzate per sessione sono cresciute del 40,5%

24 maggio 2015

Lo storytelling della vacanza sul Garda vince l’Interactive Key Award

Al camping Del Garda Village, l’emozione della vacanza sul lago inizia già dal sito web: un sito “time-sensitive”, per cui il palinsesto giornaliero che scorre in homepage cambia a seconda dell’orario d’accesso. Lo scorso 20 maggio, a Milano, il sito www.delgarda.it è stato premiato con l’Interactive Key Award.

La cerimonia di premiazione, promossa da Media Key, si è svolta nell’auditorium dell’Università IULM alla presenza di numerosi ospiti del mondo dello spettacolo, delle agenzie di comunicazione e dell’imprenditoria.
Una giuria di 42 esperti – composta da direttori creativi, account manager, amministratori delegati, giornalisti e professori universitari – ha decretato i 33 progetti vincitori tra i 211 partecipanti.
Tra questi, il sito ideato da GRAFFITI per il camping Del Garda Village ha vinto come miglior progetto web nella categoria “Tempo libero”.

Delgarda.it è tutto giocato sullo storytelling, lungo un percorso narrativo che immerge l’utente in quella che potrebbe essere la sua giornata in campeggio: dal tuffo in piscina prima di colazione alla grigliata serale con gli amici.
Non si tratta quindi di un semplice sito web, ma di uno strumento di vendita che declina in modo nuovo il tema della vacanza.

Parallelamente allo shooting fotografico, con gli scatti “in&out-water” realizzati da Ronny Kiaulehn, la strutturazione dei contenuti ha contribuito a valorizzare le novità di una vacanza che coniuga la libertà del campeggio con la comodità di una struttura esclusiva e super attrezzata.
Il menu rimanda alle attività, ai servizi e alle tre tipologie di alloggio: Mobile Home, Bungalow e Lodge&Ten.
A breve verrà integrato il gestionale del campeggio, con la possibilità di prenotare direttamente online il proprio soggiorno. Ogni pagina è presente in 4 lingue – italiano, inglese, tedesco e olandese – per garantire la massima fruibilità a un’utenza internazionale.

A pochi mesi dalla messa online, i risultati sono strepitosi: oltre 4 minuti di permanenza media e addirittura il 7% dei visitatori che ha fatto richiesta di prenotazione!

14 maggio 2015

Nuove regole per la profilazione degli utenti attraverso cookie. Metti al sicuro il tuo sito dalle possibili sanzioni.

I cookie sono piccoli file di testo che permettono di memorizzare preferenze, dati e informazioni su chi visita una pagina web.

Dal 3 giugno 2015 entra in vigore in Italia il nuovo regolamento emanato dal Garante per la Privacy che impedisce l’uso di cookie di profilazione senza il consenso degli utenti.

A partire da quella data, chiunque visita un sito web deve visualizzare un messaggio che indichi in modo chiaro:

  • se il sito utilizza cookie di profilazione per l’invio di messaggi pubblicitari mirati
  • se il sito utilizza cookie di terze parti diversi da quelli generati dal sito
  • che continuando la navigazione si accettano implicitamente i cookie

Nel messaggio deve essere inoltre presente il link alla pagina di informativa estesa con:

  • l’elenco dei cookie utilizzati e l’indicazione della loro finalità
  • la possibilità di deselezionare i cookie di profilazione
  • nel caso di cookie di terze parti, un link alle pagine di informativa estesa di questi soggetti
  • le istruzioni su come configurare il proprio browser per gestire (non accettare) i cookie del sito


Ricorda: se il tuo sito non
è aggiornato puoi incorrere in una serie di sanzioni che sommate possono raggiungere importi molto elevati.

Nello specifico:

  • per il caso di omessa informativa o di informativa inidonea, ossia che non presenti gli elementi indicati, oltre che nelle previsioni di cui all'art. 13 del Codice, nel presente provvedimento, è prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 6.000 a 36.0000 euro (art. 161 del Codice)
  • l'installazione di cookie sui terminali degli utenti in assenza del preventivo consenso degli stessi comporta, invece, la sanzione del pagamento di una somma da 10.000 a 120.000 euro (art. 162, comma 2-bis, del Codice)
  • l'omessa o incompleta notificazione al Garante, infine, ai sensi di quanto previsto dall'art. 37, comma 1, lett. d), del Codice, è sanzionata con il pagamento di una somma da 20.000 a 120.000 euro (art. 163 del Codice)

Ti servono maggiori informazioni? Scrivici: ti contatteremo per rispondere a ogni tuo dubbio.

captcha

Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D.Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell’informativa di Linea Web Graffiti 2000 S.p.A. per il trattamento dei miei dati personali, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto esprimo il mio consenso al trattamento e alla comunicazione dei miei dati personali rispetto alle finalità del punto a) dell’informativa stessa

esprimo il mio consenso al trattamento e alla comunicazione dei miei dati personali per le finalità descritte al punto b) dell’informativa stessa

* Per poter inviare il modulo è necessario accettare l'informativa sul trattamento dei dati personali.

24 marzo 2015

ContoSnap.com
facile come schioccare le dita!

Per un conto online basato sulla semplicità, il sito web dedicato non poteva essere da meno.

"La tua banca sulla punta delle dita” è il concept sul quale GRAFFITI ha sviluppato la comunicazione per il lancio di CONTO SNAP di BBC Centro Calabria. Sebbene la parola d’ordine sia stata sin dall’inizio “semplicità”, nel progettare il sito web di un prodotto bancario non si poteva prescindere dalla mole di documentazione, fogli informativi e consensi alla privacy previsti per legge; sul sito abbiamo però voluto renderli visibili solo a uno step avanzato di consultazione, così da non far perdere immediatezza alla one page, organizzata in 4 aree sempre più specifiche:

– la 1° sezione emozionale riassume la promessa del prodotto, che è veloce, semplice e conveniente

– la 2° fascia è dedicata alla parte più tecnica, che illustra con precisione i vantaggi di CONTO SNAP

– la 3° sezione è focalizzata sulla comodità di avere il conto a portata di mano in qualunque momento

– la 4° area accompagna l’utente nella consultazione dei documenti informativi e nell’inserimento dei propri dati, fino all’attivazione vera e propria del conto

Ogni sezione è caratterizzata dai visual e dalle scelte cromatiche sviluppate per il progetto ADV, e si conclude con la call to action APRI CONTO SNAP, così da garantire un’ottima usabilità all’utente e il massimo tasso di conversione alla banca.
Il messaggio, quindi, è chiaro: con CONTO SNAP, il funzionario della banca ce l’hai sempre con te; anzi, sei tu stesso che con lo smartphone puoi gestire tutto da solo, con la stessa facilità con cui schiocchi le dita.

12 gennaio 2015

Ferrari: l’arte di vivere italiana

Lo stile di un brand è la sostanza che diventa forma: è l’impronta che ne delinea l’orizzonte, la traccia inconfondibile con la quale imprime il suo carattere. Dare forma alla sostanza era l’obiettivo del nuovo portale di Cantine Ferrari.

Col nuovo FerrariTrento.it si accendono i riflettori su uno degli ambasciatori del made in Italy nel mondo e sul suo universo all’insegna della contaminazione.

Richiamando le losanghe della texture, l’interfaccia segue una logica modulare estremamente versatile, per dosare il giusto mix di reminiscenze storiche con le manifestazioni più scintillanti dell’Italian Art Of Living.
È da questa cornice che si sprigionano le diverse anime del marchio, grazie ai box che creano combinazioni sempre diverse.

Il candore dell’interfaccia è lo sfondo dove aprire squarci sfolgoranti sulle suggestioni dell’universo Ferrari, lasciando che siano loro a infiammare la pagina: racchiusi nel rigore della gabbia grafica, i colori e le fragranze spiccano così con ancora maggior enfasi. Le sezioni si aprono come scrigni per svelare la naturale eleganza Ferrari e raccontare l’eccellenza dal grappolo al bicchiere.

Si è voluto creare un racconto coinvolgente per ogni etichetta, impreziosendo la collezione con dettagli in parallasse che fluttuano su piani prospettici diversi: sono petali, foglie d’oro o piccoli frutti associati alle suggestioni sensoriali e alle note aromatiche di quel particolare Trentodoc. Non si tratta di una semplice vetrina sul mondo delle bollicine, ma di un luogo dove vivere in prima persona l’esperienza del marchio e partecipare alla condivisione della cultura di prodotto.

Tra retrospettive e close-up sui dettagli più esclusivi, la piattaforma è al tempo stesso spazio espositivo e atelier del gusto; il gusto per la bellezza e per il saper vivere, con l’irresistibile leggerezza delle bollicine.